fbpx

Le Vibrazioni rimodellano Dedicato a te in Acqua Version

Durante il lockdown d’inizio anno, Francesco Sarcina, come molti artisti, ha ripercorso in maniera introspettiva la propria carriera musicale. Ha deciso, quindi, di rivisitare Dedicato a te, uno dei più grandi successi della sua band, Le Vibrazioni, e riproporlo in Acqua version.

Il 4 dicembre 2020, Francesco Sarcina e Le Vibrazioni ci hanno riproposto il loro singolo d’esordio, Dedicato a te – Acqua version. Questo brano del 2003 viene ripresentato in un emozionante arrangiamento orchestrale, che si concilia molto bene anche con questo periodo natalizio. Questa versione è stata appositamente creata per diventare la sigla della serie televisiva italiana Il silenzio dell’acqua. Con questa nuova elegante Dedicato a te – Acqua version, possiamo finalmente rivivere le emozioni di tanti anni fa.

Le Vibrazioni, la storia

dedicato a te acqua version

Ripercorriamo brevemente la carriera della band che tanto ha fatto vibrare le nostre emozioni fanciullesche. Il gruppo musicale Le Vibrazioni si è formato a Milano nel 1999. I membri sono Francesco Sarcina (frontman, cantante, chitarrista e principale autore delle canzoni), Stefano Verderi (chitarra e tastiera), Alessandro Deidda (batteria) e Marco Castellani (basso). Emanuele Gardossi ha sostituito Castellani dal 2008 al 2012, l’ultimo anno di carriera della rock band, che da quel momento ha deciso di prendersi una pausa. Le Vibrazioni hanno iniziato a farsi conoscere nei primi anni 2000 suonando nei locali di Milano. Hanno finalmente conosciuto la fama nel 2003 con il singolo Dedicato a te, che li ha fatti salire in cima alle classifiche nazionali e gli ha permesso di ottenere il disco di platino. Nello stesso anno hanno pubblicato il loro primo album, Le Vibrazioni.

Dedicato a te, il video

Esistono due versioni di questo video, che si differenziano solamente per la protagonista. Nel primo la ragazza è bionda ed è l’attrice Angelica Cacciapaglia, mentre nel secondo la ragazza è mora ed è proprio la Giulia di cui parla la canzone. Il video ha come ambientazione Milano e mostra il percorso di una ragazza che si sveglia alla mattina, esce dal suo appartamento e per strada incontra uno per uno i membri della band e si ferma un attimo ad ammirare i navigli da un ponticello. Finisce quindi in un locale dove trova la band al completo che suona la canzone.

Questo video è diventato un vero e proprio tormentone in quegli anni, tanto da essere parodiato, per ben due volte, da artisti molto famosi.

Elio e le storie teseShpalman

Frankie hi-nrg mc Chiedi chiedi

Questa è addirittura una parodia della parodia, perché oltre agli elementi del video de Le Vibrazioni, sono presenti anche personaggi del video di Elio e le storie tese.

Ma chi è questa Giulia?

Per diventare “immensamente Giulia” cos’avrà mai fatto questa ragazza? Non è un appellativo che si concede a tutti. Non si sanno molte cose sulla musa di questa canzone, perché Francesco Sarcina, l’autore, è sempre stato molto riservato a riguardo. In alcune interviste, però, ha affermato che Giulia è stata una sua fidanzata in giovane età. Qualche anno dopo essersi lasciati, è rientrata nella sua vita aiutandolo molto e tirandolo fuori da una situazione borderline davvero molto dura. I due sono rimasti legati nonostante il passare degli anni. In un’intervista radiofonica, il cantante ha dichiarato che si sentono solamente una volta all’anno, ma tutti gli anni, il 4 ottobre, onomastico di Francesco e giorno del compleanno di Giulia.

Possiamo quindi interpretare questa canzone come una spiegazione del motivo per il quale Francesco ha lasciato Giulia, ma che comunque la ringrazia molto per quello che lei ha fatto per lui.

Cerca i tuoi articoli

Ultime uscite

I più letti