I Manitoba, campioni d’inediti, salutano il palco di X Factor 2020

Si ritorna a casa. Questa seconda puntata dei live di X Factor 2020 ha visto l’eliminazione di due concorrenti, Eda Marì e i Manitoba. Una fine ingiusta per il duo toscano che di certo non meritava di lasciare il palco del talent. Siamo sicuri, però, che sentiremo parlare dei Manitoba molto presto.

Disambiguazione

Con Manitoba non ci si riferisce alla farina (sì, proprio quella per fare la pizza, che non si trovava in nessun supermercato durante la quarantena). Non si parla nemmeno della fredda provincia canadese al confine con gli USA.

Loro sono Giorgia Rossi Monti (26 anni, voce e drum machine) e Filippo Santini (29 anni, chitarra, basso e seconda voce), la band con più alchimia sul palco di questa edizione di X Factor 2020, guidata da Manuel Agnelli.

La loro storia è segnata dal destino. I due, originari di Borgo San Lorenzo (FI), andavano al mare insieme da piccoli con le loro famiglie. Dopo essersi persi di vista per anni, si sono ritrovati a Firenze, laureati insieme in filosofia e innamorati. Nel 2015, hanno deciso di intraprendere un progetto musicale, inizialmente acustico di chitarra e voce, che si è poi orientato più verso l’elettronica. La loro carriera è fin da subito stata florida. Oltre a esibirsi in ogni parte d’Italia, hanno aperto importanti concerti, tra i quali Franz Ferdinand, Ministri, Ex-Otago, Fast Animals And Slow Kids, Motta, Marco Mengoni, ecc. A marzo 2018 è uscito il loro primo album, Divorami, dall’atmosfera un po’ psichedelica.

Inediti, il loro cavallo di battaglia

In questa edizione di X Factor 2020, che punta più all’inedito, alla scrittura, alla creatività e meno alla perfezione vocale interpretando cover, i Manitoba sono partiti alla grande. Presentandosi al talent in stile band indie-rock, si sono esibiti in due inediti molto più pop e canterecci rispetto a quelli del loro album.

E sono stati proprio i loro inediti a colpire il pubblico e i giudici, mostrando una grandissima abilità di scrittura. Inoltre, la loro capacità di stare sul palco, la loro evidente alchimia e il loro magnetismo sono i tratti caratteristici più apprezzati, oltre alle evidenti doti canore.

La domenica, uno degli inediti più orecchiabili di questa edizione, è sicuramente un pezzo che rimane in testa per la melodia coinvolgente e frizzante. Il rigore e Maradona, il sugo della nonna e la domenica evocano immagini emozionanti e rassicuranti che non è comune trovare nelle canzoni d’amore. Sicuramente è un brano che rivela tutta la complicità che i Manitoba hanno mostrato di avere sul palco di X Factor e la giocosità che li caratterizza. Qui, le loro sonorità elettroniche sono riviste in chiave un po’ più pop rispetto a quelle del loro album.

Si ritorna a casa è un esempio innegabile della loro abilità di scrittura, evocando tantissime immagini che si concatenano l’una con l’altra, grazie anche alla melodia, che questa volta però presenta poche sonorità elettroniche. Ascoltando questo pezzo, si ha la sensazione di conoscerlo da sempre e si prova un velato e piacevole senso di nostalgia.

Un lato mai visto

L’album Divorami dei Manitoba rivela influenze wave, post punk e punk rock. Per mostrare tutto ciò al pubblico nella seconda puntata dei live, Manuel Agnelli ha scelto per loro I Wanna Be Sedated dei Ramones. Questa cover li rappresenta molto perché è uno dei loro pezzi preferiti, come hanno dichiarato nel loro Vlog, definendo la canzone un pezzo punk che tira fuori la loro grinta che ancora non abbiamo visto abbastanza. La scenografia, di un semplice bianco e nero, nella quale i due artisti si sono scatenati cantando questo pezzo, ha lasciato completamente spazio alle loro voci e ai loro movimenti, mostrando i Manitoba in una versione mai ancora vista in questa edizione di X Factor 2020.

Nonostante la loro interpretazione sia stata molto convincente, purtroppo non ha riscosso successo tra il pubblico, mandandoli al ballottaggio con Santi, che, senza alcun merito, è stato salvato da Mika. Manuel Agnelli deve, quindi, ingiustamente salutare la quota pop tra i componenti della sua squadra.

Dopo questa esperienza dei Manitoba a X Factor 2020, non ci resta che vedere sotto quale nuova veste si presenteranno nel loro prossimo album. Inutile dire quanto dispiaccia non vedere più questa band nel piccolo schermo, ma sicuramente, il loro progetto è destinato a decollare anche senza la tv.

…Ovviamente, come ogni volta, la genialità della puntata è stata vinta da Alessandro Cattelan. Il presentatore, impossibilitato a presenziare a causa della sua positività al Covid 19, non molla un cazzo e non rinuncia ad aprire la puntata, seppur virtualmente. Si presenta, infatti, collegato a un tablet installato sopra a un casco, davanti alla faccia di un ballerino.

manitoba x factor

 

Cerca i tuoi articoli

Ultime uscite

I più letti