fbpx

Guidobaldi messo a nudo di fronte alla sua Dipendenza

È tornato Guidobaldi: finalmente, dopo anni dall’ultima uscita, il giovane cantautore romano torna con la sua Dipendenza, singolo cicciotto e pieno di musica.

Straripante, Dipendenza ci regala tutto il mondo di suoni di Guidobaldi, riportandoci ai momenti in cui usciva la sua Cartolina Portuense, ma più grande, più maturo.

Il ragazzo s’è fatto uomo e il giovane ha voglia di crescere, mostrando a tutti cosa è davvero in grado di fare. Dipendenza è un ritorno in grande stile, quello di cui aveva bisogno per rompere il silenzio dopo lungo tempo.

Il singolo

Guidobaldi, Guido per gli amici, esplode con tutta la sua voglia: la voce è precisa, dosata al punto giusto per trattare con la delicatezza giusta parole scelte con minuzia e garbo. Dipendenza è amore profondo e allo stato puro, per un altro essere umano, ma soprattutto per la musica, così coccolata nell’arrangiamento del brano, vera ossessione del cantante romano. Nota di merito va allora alla produzione, in cui Marco Proietti – già noto per il suo lavoro con Galeffi – riesce a confezionare qualcosa di nuovo e originale, valorizzando comunque tutto il bagaglio musicale del giovane artista romano, così calato nel mondo brit e nel cantautorato d’Oltremanica in generale.

Chi è Guidobaldi?

Matteo Guidobaldi è un giovane artista romano. Classe ’94, di giorno fa lo studente universitario e di notte scrive canzoni, perché pare beva troppi caffè. Dopo due singoli, Lungotevere e Cartolina Portuense, usciti ormai anni fa, è finalmente pronto a tornare con un nuovo lavoro. Dipendenza è un rientro, un annuncio, un augurio, per un disco d’esordio che non vediamo l’ora di ascoltare.

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da guidobaldi (@guidobaldi_)

 

Cerca i tuoi articoli

Ultime uscite

I più letti